Sul pericolo di un «mondo amministrato»: la Kritik di Horkheimer