L’indipendenza dello spazio illusorio