Libertà di espressione del pensiero e di religione: la Corte Suprema va in pasticceria