I carteggi degli economisti toscani dell'Ottocento: alcune puntualizzazioni