Il diritto penale si trova ad un bivio quando si occupa della tutela dell’ambiente: prevedere illeciti di pericolo astratto, ma necessariamente bagatellari, o ricorrere a reati di evento, nei quali il nesso causale si rivela spesso di impossibile prova? Il dilemma è diventato ancora più drammatico da quando il diritto dell’Unione ha iniziato a fomentare molteplici e pressanti istanze di tutela, anche e soprattutto penale, ai legislatori degli Stati membri. Una volta esaminate le caratteristiche del diritto penale dell’ambiente nazionale e sintetizzato lo stato della disciplina eurounitaria in argomento, viene proposta nel saggio una terza via per l’imputazione dei macroeventi offensivi dell’ecosistema. Il reale autore dell’illecito contro l’ambiente è spesso la persona giuridica nel cui interesse le persone fisiche violano la legge penale; occorre allora implementare la responsabilità dell’organizzazione, valorizzando a pieno le potenzialità applicative dell’art. 8 d. lgs. 231/2001, che sancisce l’autonomia dell’illecito dell’ente, affermandone la persistenza anche quando la persona fisica che ha commesso il fatto non sia stata individuata, non sia imputabile o non sia punibile per estinzione del reato.

IL GIUDICE E IL MOSAICO. LA TUTELA DELL’AMBIENTE, TRA DIRITTO DELL’UNIONE E PENA NAZIONALE

Consulich Federico
2018

Abstract

Il diritto penale si trova ad un bivio quando si occupa della tutela dell’ambiente: prevedere illeciti di pericolo astratto, ma necessariamente bagatellari, o ricorrere a reati di evento, nei quali il nesso causale si rivela spesso di impossibile prova? Il dilemma è diventato ancora più drammatico da quando il diritto dell’Unione ha iniziato a fomentare molteplici e pressanti istanze di tutela, anche e soprattutto penale, ai legislatori degli Stati membri. Una volta esaminate le caratteristiche del diritto penale dell’ambiente nazionale e sintetizzato lo stato della disciplina eurounitaria in argomento, viene proposta nel saggio una terza via per l’imputazione dei macroeventi offensivi dell’ecosistema. Il reale autore dell’illecito contro l’ambiente è spesso la persona giuridica nel cui interesse le persone fisiche violano la legge penale; occorre allora implementare la responsabilità dell’organizzazione, valorizzando a pieno le potenzialità applicative dell’art. 8 d. lgs. 231/2001, che sancisce l’autonomia dell’illecito dell’ente, affermandone la persistenza anche quando la persona fisica che ha commesso il fatto non sia stata individuata, non sia imputabile o non sia punibile per estinzione del reato.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Consulich legislazione penale 27 luglio 2018.pdf

accesso chiuso

Tipologia: Documento in versione editoriale
Dimensione 540.44 kB
Formato Adobe PDF
540.44 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/914583
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact