Memoria ed eredità. Il "Teresio Olivelli" di Alberto Caracciolo