Non si sa come, ovvero il passaggio all'atto come corto circuito della narrazione