Il lavoro prende in esame la riforma della Corte Suprema e del Consiglio Nazionale della Magistratura polacche dopo la vittoria elettorale, avvenuta nel 2015, del partito "Diritto e Giustizia". Tale riforma che si inquadra in un disegno autoritario ben più ampio (che ha coinvolto altri importanti organi di garanzia quali il Tribunale costituzionale e il Difensore dei diritti civili) ha attribuito al potere esecutivo o alla maggioranza parlamentare un incisivo controllo sulla composizione e sull'attività di tali organi, cancellando ogni autonomia dei giudici. Tali riforme si aggiungono a quella che ha già attribuito la carica di Procuratore generale al Ministro della giustizia con ampi poteri discrezionali di intervento sull'attività dei procuratori e di destituzione e di nomina dei presidenti dei tribunali comuni. Un disegno così ampio da configurare "una violazione grave e persistente dello Stato di diritto" come constatato dalla Commissione europea che ha avviato una procedura d'infrazione ai sensi dell'art. 7 TUE.

La Polonia di Kaczyński: l'approvazione del "pacchetto giustizia" e l'avvio della procedura dell'art. 7 TUE.

Orlandi M. A.
2017

Abstract

Il lavoro prende in esame la riforma della Corte Suprema e del Consiglio Nazionale della Magistratura polacche dopo la vittoria elettorale, avvenuta nel 2015, del partito "Diritto e Giustizia". Tale riforma che si inquadra in un disegno autoritario ben più ampio (che ha coinvolto altri importanti organi di garanzia quali il Tribunale costituzionale e il Difensore dei diritti civili) ha attribuito al potere esecutivo o alla maggioranza parlamentare un incisivo controllo sulla composizione e sull'attività di tali organi, cancellando ogni autonomia dei giudici. Tali riforme si aggiungono a quella che ha già attribuito la carica di Procuratore generale al Ministro della giustizia con ampi poteri discrezionali di intervento sull'attività dei procuratori e di destituzione e di nomina dei presidenti dei tribunali comuni. Un disegno così ampio da configurare "una violazione grave e persistente dello Stato di diritto" come constatato dalla Commissione europea che ha avviato una procedura d'infrazione ai sensi dell'art. 7 TUE.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
481-1-1068-2-10-20180106.pdf

accesso aperto

Descrizione: Documento in versione editoriale, come scaricato dal sito della rivista
Tipologia: Documento in versione editoriale
Dimensione 524.16 kB
Formato Adobe PDF
524.16 kB Adobe PDF Visualizza/Apri

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/907742
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact