Stefano Rodotà: civilista e non civilista