La vertigine del mare nel "cinema di relazionalità" di John Akomfrah