"You can't see yourself": su alcuni presupposti teorici della funzione dello specchio nella ricerca artistica tra performance e videoarte