Ovidio, Chrétien e il paradigma medievale nel Titus Andronicus