Quando la Corte di Strasburgo in internet continua a navigare a vista