Sui prologhi (e sulle valenze filosofiche) di tre scritti bonaventuriani: Itinerarium mentis in Deum, De triplici via, Lignum vitae