Emel’jan Ivanovič Pugačëv: una rilettura