Marie de France e il lessico del ‘fantastico’