Francesco Fanelli: considerazioni sull'attività genovese