Per una rilettura di due passi apuleiani (met. 2,4,1 e 11,24,4)