L'articolo propone una lettura della famosa poesia di Edoardo Sanguineti, "Postkarten 49", in cui, a partire da "un piccolo fatto vero" si produce, passando per Stendhal, Gramsci, Marx e Brecht, un teso composto da parole straniate e memorabili, capaci di destare l'attenzione critica del lettore. Attraverso l'individuazione di alcuni nodi intertestuali (Majakovskij, Brecht, Benjamin), il saggio evidenzia la natura pratica del lavoro poetico e il rifiuto sanguinetiano del pathos e dell'ispirazione tradizionamente intesi.

«Dateci le "regole" della vostra poetica!» Lettura di Edoardo Sanguineti, "Postkarten 49"

MANFREDINI, MANUELA
2015

Abstract

L'articolo propone una lettura della famosa poesia di Edoardo Sanguineti, "Postkarten 49", in cui, a partire da "un piccolo fatto vero" si produce, passando per Stendhal, Gramsci, Marx e Brecht, un teso composto da parole straniate e memorabili, capaci di destare l'attenzione critica del lettore. Attraverso l'individuazione di alcuni nodi intertestuali (Majakovskij, Brecht, Benjamin), il saggio evidenzia la natura pratica del lavoro poetico e il rifiuto sanguinetiano del pathos e dell'ispirazione tradizionamente intesi.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Manfredini_Versants_Sanguineti_PK-49.pdf

accesso chiuso

Descrizione: lettura di una poesia di Edoardo Sanguineti - PK 49
Tipologia: Documento in versione editoriale
Dimensione 147.85 kB
Formato Adobe PDF
147.85 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/824487
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact