Cicerone, Tusculane V 94 e il fr. 62 Us. di Epicuro