La Cassazione dice "basta!" alle motivazioni pigre che violano il diritto di difesa