Giuliano Augusto e il paganesimo romano tra filologi, deisti e storiografia settecentesca