Sulla "letteratura nell'età globale": le ragioni del dissenso