Alcune riflessioni sull'Organismo Italiano di Valutazione (OIV) e sul suo primo draft in tema di impairment dell'avviamento