Commento a Tribunale di Roma, ord. 4 maggio 2005