Nel caso di fatture per operazioni soggettivamente inesistenti, l’acquirente ha diritto alla detrazione solo nel caso, eccezionale, in cui ignorasse che l’emittente le fatture era soggetto diverso dal fornitore del servizio, e la circostanza va provata dall’acquirente, come fatto costitutivo del diritto alla detrazione. Invece, nelle frodi carosello, è il Fisco ad avere l’onere di provare - anche mediante presunzioni - gli elementi di fatto che caratterizzano la frode e la partecipazione ad essa o la consapevolezza di essa da parte del contribuente.

RIPARTIZIONE DELL’ONERE DELLA PROVA NELLE IPOTESI DI FRODI CAROSELLO E DI OPERAZIONI INESISTENTI (nota a Cassazione, Sez. trib., Sent. 19 settembre 2012, n. 15741)

MARCHESELLI, ALBERTO
2013

Abstract

Nel caso di fatture per operazioni soggettivamente inesistenti, l’acquirente ha diritto alla detrazione solo nel caso, eccezionale, in cui ignorasse che l’emittente le fatture era soggetto diverso dal fornitore del servizio, e la circostanza va provata dall’acquirente, come fatto costitutivo del diritto alla detrazione. Invece, nelle frodi carosello, è il Fisco ad avere l’onere di provare - anche mediante presunzioni - gli elementi di fatto che caratterizzano la frode e la partecipazione ad essa o la consapevolezza di essa da parte del contribuente.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11567/562719
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact