Ancora equivoci e incertezze sulle concrete applicazioni degli studi di settore