Il certificato di idoneità sportiva: tra responsabilità e vuoti normativi