Progettare l’interfaccia informatica significa configurare l’accesso a nuove dimensioni ideative, significa attuare un processo elaborativo “partecipato” con l’obiettivo di rappresentare e vivere le molteplici espressioni dello spazio digitale. Con riferimento a questo assunto, il saggio riflette sul concetto di “ambiente sensibile” come luogo dove elaborare un sistema variabile di spazialità, un “sistema di interfacce”, di cui il progettista conforma il “primo” ambiente, rendendo attuabile un processo di possibilità di interconnesioni “fluide” in cui il medium dell’accesso, la porta dell’incontro, tende sempre più verso una sorta di presenza “a-visibile”.

Architetture d'interfaccia: riflessioni

BISTAGNINO, ENRICA
2003

Abstract

Progettare l’interfaccia informatica significa configurare l’accesso a nuove dimensioni ideative, significa attuare un processo elaborativo “partecipato” con l’obiettivo di rappresentare e vivere le molteplici espressioni dello spazio digitale. Con riferimento a questo assunto, il saggio riflette sul concetto di “ambiente sensibile” come luogo dove elaborare un sistema variabile di spazialità, un “sistema di interfacce”, di cui il progettista conforma il “primo” ambiente, rendendo attuabile un processo di possibilità di interconnesioni “fluide” in cui il medium dell’accesso, la porta dell’incontro, tende sempre più verso una sorta di presenza “a-visibile”.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/527393
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact