La stabilità articolare di un’anca protesizzata, basata sul corretto rapporto tra le componenti e sul mantenimento dell’equilibrio muscolo-legamentoso, è fondamentale per la funzione articolare e per il successo a lungo termine dell’impianto in termini di integrazione e di rimodellamento osseo. L’instabilità, nei suoi aspetti di sublussazione e, soprattutto, di lussazione, rappresenta una delle complicaze più frequenti, sia come lussazione precoce (0.5-10%) che come lussazione tardiva. Nella sua eziopatogenesi si possono riconoscere fattori determinanti (malposizione delle componenti, insufficiente ritensione muscolare, fenomeni di impingement), quasi tutti riconducibili ad un errore chirurgico, e fattori di rischio, cioè una serie di situazioni pre- o intra-operatorie capaci di amplificare le conseguenze di errori tecnici anche modesti. Tra i principali fattori di rischio vengono considerate alcune caratteristiche del paziente (sesso, abuso di alcool), alcune scelte chirurgiche (via di accesso) ma, soprattutto, precedenti interventi sull’anca e tutte le condizioni patologiche di origine nervosa, muscolare o ossea che comportino inefficienza del motore muscolare dell’articolazione, per ipotonia, ipotrofia, detensione o retrazione, o alterazioni morfostrutturali tali da determinare difficoltà ricostruttive.

Fattori di rischio pre-operatori per la stabilità protesica nella protesi d’anca.

SANGUINETI, FRANCESCA;
2004

Abstract

La stabilità articolare di un’anca protesizzata, basata sul corretto rapporto tra le componenti e sul mantenimento dell’equilibrio muscolo-legamentoso, è fondamentale per la funzione articolare e per il successo a lungo termine dell’impianto in termini di integrazione e di rimodellamento osseo. L’instabilità, nei suoi aspetti di sublussazione e, soprattutto, di lussazione, rappresenta una delle complicaze più frequenti, sia come lussazione precoce (0.5-10%) che come lussazione tardiva. Nella sua eziopatogenesi si possono riconoscere fattori determinanti (malposizione delle componenti, insufficiente ritensione muscolare, fenomeni di impingement), quasi tutti riconducibili ad un errore chirurgico, e fattori di rischio, cioè una serie di situazioni pre- o intra-operatorie capaci di amplificare le conseguenze di errori tecnici anche modesti. Tra i principali fattori di rischio vengono considerate alcune caratteristiche del paziente (sesso, abuso di alcool), alcune scelte chirurgiche (via di accesso) ma, soprattutto, precedenti interventi sull’anca e tutte le condizioni patologiche di origine nervosa, muscolare o ossea che comportino inefficienza del motore muscolare dell’articolazione, per ipotonia, ipotrofia, detensione o retrazione, o alterazioni morfostrutturali tali da determinare difficoltà ricostruttive.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11567/476919
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact