Rileggendo il cod. 223 (Diodoro di Tarso) della Bibliotheca di Fozio