Halbwachs, la memoria collettiva e lo spazio giuridico