Seneca tragicus nel X secolo. Eugenio Vulgario e la ricezione provocatoria