Dall’immagine della carità, alla rappresentazione dell’estasi, al “decoro” dell’edificio religioso: spunti per una ricerca sull’iconografia oratoriana a Genova