Nozione di “segno” e sua adoperabilità pedagogica