Eulero, d’Alembert e gli accademici di Torino