Disordine ontologico e strategie figurali: il Gerione dantesco