Nel laboratorio delle "Fiabe", tra vecchie e nuove carte