Sulla lingua del "Libro delle Figurazioni Ideali" di Gian Pietro Lucini