A proposito di un nuovo saggio sulla riscoperta di Eschilo nel XVI secolo