Montale, Longhi e l’«albergo di lusso»