La memoria di Dante nel Decameron: qualche riscontro