“Cecità della paziente e “aree cieche” dei curanti”