Sul contributo della logica alla filosofia e viceversa: due casi esemplari