Problemi interpretativi in un passo del "De generatione animalium" (alla luce della teoria cromatico-ottica di Aristotele)