Sulla fortuna di Gregorio di Nazianzo nel XII secolo