Aulo Gellio, Cesare e due morfemi desinenziali