Le personae di Wilcock: alcune osservazioni su Matteo Campanari, collaboratore del "Mondo"