L'etnofilologia ci salverà?