Recensione a GUIDO MELIS, La macchina imperfetta. Immagine e realtà dello Stato fascista